• Luca Effe

Lunga vita allo gnocco fritto: ricetta facile con strutto

Soffice e spugnoso, si sposa con qualsiasi salume e formaggio ma è gustabile anche con marmellate o creme spalmabili. E intinto nel caffelatte, il giorno dopo fritto, è un viaggio pazzesco


Ho usato l’articolo “lo” (gnocco) al posto di “il” (gnocco) per evitarmi l'immancabile strigliata dei gramma-nazi, sempre pronti a impugnare la penna. Ma dalle mie parti, per dovere di cronaca campanilistica, il gnocco si chiama proprio così, col determinativo. Forse perché determinante è il suo contributo alla cucina regionale. E perché i nostri nonni, in dialetto, lo chiamavano in questo modo: al gòc frèt!

Da una città emiliana all’altra la ricetta cambia: a Modena e Reggio Emilia è vuoto e leggero di peso, un po’ friabile esternamente e pieno di bolle in superficie; a Bologna - dove si chiama comunemente “crescentina” - è più spugnoso dentro e liscio fuori, mentre la “torta fritta” parmense è persino più gonfia e piccola di taglio.

Questa è una ricetta intermedia, forse più vicina alla tradizione felsinea, da impastare con lievito di birra e strutto - sostituibile a piacere con olio di oliva - e gustare al naturale o con salumi e formaggi, ma anche marmellate e creme spalmabili. Un consiglio, per un buon brunch come solo Mamma Emilia: provate a intingere una fetta di "gnocco del giorno dopo" in una tazzà di caffelatte: è pura poesia! Canzone consigliata: Pescatore - Pierangelo Berti & Fiorella Mannoia






Ingredienti (per circa 20-25 pezzi):


  • 500 g farina 00

  • 70 gr di strutto (fuori frigo)

  • 12 g lievito di birra fresco

  • 200 ml acqua tiepida

  • 1 cucchiaino di zucchero

  • 1 cucchiaino di sale

  • Qualche cucchiaio di latte (per aggiustare eventualmente la consistenza dell'impasto)

  • Olio di semi per friggere








Procedimento:


  1. In un recipiente capiente metti l'acqua tiepida e sbriciola al suo interno il lievito di birra.

  2. Aggiungi lo zucchero, mescola e lascia riposare 10 minuti.

  3. Trascorso questo tempo aggiungi la farina, il sale e lo strutto (ammorbidito fuori frigo), impastando prima con un cucchiaio di legno, poi a mano su un tagliere.

  4. Se l'impasto è troppo duro, aggiungi 2 o 3 cucchiai di latte, poco per volta.

  5. Quando hai ottenuto una palla soda e compatta, mettila a riposare 2 ore in una ciotola, doppiamente coperta (pellicola trasparente + panno umido sopra).

  6. Raddoppiato il volume dell'impasto, rimuovilo dalla ciotola, stendilo su un tagliere e tiralo col matterello, ottenendo uno spessore di circa 3 mm.

  7. Con una rotella tagliapasta realizza dei rombi (facendo prima dei tagli verticali, poi obliqui) della grandezza che gradisci (5 cm di larghezza è lo standard).

  8. In una padella dai bordi alti, porta dell'olio di semi (io ho usato quello di girasole) a temperatura (175°) e friggi a gruppi di 3 o 4 pezzi, girando ogni fetta su entrambi lati e spostando il tutto su un piatto foderato di carta assorbente.

  9. Usa la carta assorbente per tamponare lo gnocco a mano a mano che lo travasi sul piatto. Infine sala leggermente la montagna di gnocchi e servi caldi!


HASHTAG: #gnoccofritto #gnocco #crescentine #ricetteitaliane #brunch #ricettebrunch

201 visualizzazioni

ricette

buone

PER BELLA GENTE