• Luca Effe

Tortelli dolci di Nonna Tina: la ricetta da fare a Natale

Aggiornato il: 21 dic 2019

Simili alle raviole bolognesi (ma fritti nell'olio di semi) questi 'panzerotti' emiliani sono il ricordo più dolce che una nonna possa lasciare a un nipote (e che un nipote possa riproporre ai suoi ospiti)

Tortelli di Natale - Buon Brunch

Ci sono ricette che più di altre raccontano chi sei a da dove vieni. E questo dolce delle feste contadine, un piatto povero e sgraziato come le campagne da cui proviene, sincero e straripante come l'alfabeto delle "zdore" (in emiliano: massaie) ne fa indiscutibilmente parte.

Qui siamo nella "bassa" padana, per la precisione a Bastiglia, il paesino di mia nonna, dove ciò che i bolognesi chiamano «raviole di san Giuseppe» per i modenesi diventano più semplicemente «tortelli di Natale»: tortelli dolci, beninteso - che niente hanno a che vedere coi corrispettivi di pasta fresca (tipicamente ripieni di ricotta) - dal cuore morbido di mostarda e la superficie zuccherina.

A casa mia li faceva mia nonna, Argentina, per tutti Tina: più che una donna, un dono (di buonumore e appetito)! Li preparava per le fese di Natale, con l'arrivo di dicembre, e farciva di crema pasticciera o marmellata alle prugne, cioccolato e castagne (un intruglio squisitissimo che da queste parti chiamano «sapore»). Li friggeva in abbondante olio di semi, spolverizzava di copioso zucchero semolato e lasciava a riposare in camera da letto (!), accomodati in una pirofila e avvolti in un panno morbido, come graditi ospiti di cui prendersi cura.

Quella che trovate qui è la sua ricetta originaria - generosamente trascritta da mio zio - col cuore di marmellata e la forma a mezzaluna, semplice e sostanziosa com'era lei. Preparate il ripieno con qualche giorno d'anticipo e accendete la cappa della cucina: è tempo di frittura! Canzone consigliata, la sua preferita: L'emozione non ha voce - Adriano Celentano. Ciao Tinona!







Ingredienti (per la pasta, per circa 55 tortelli):

  • 6 uova

  • 1 kg di farina 00

  • 240 gr di burro

  • 9 cucchiai di zucchero

  • 1 bustina di lievito per dolci

  • 1 busta di vanillina

  • il succo di mezzo limone filtrato

  • un pizzico di sale

  • 1/2 litro di olio di mais per friggere


Ingredienti (per la farcia):

  • due barattoli di Sapore (delle Conserve della Nonna) o mostarda bolognese

  • mezzo barattolo di marmellata di prugne

  • cioccolato in polvere qb

  • caffè in polvere qb

  • castagne cotte qb (circa una ventina)

  • una decina di amaretti tritati






Procedimento:

  1. Frulla gli amaretti e le castagne in un mixer, aggiungendoli ad un recipiente con la mostarda, la marmellata di prugne, il caffè e il cioccolato amaro. La consistenza deve essere simile a quella di una crema. Metti a riposare in frigo per qualche ora (meglio preparare la crema il giorno prima)

  2. Disponi la farina a fontana sulla spianatoia.

  3. Sui bordi del cratere aggiungi lo zucchero.

  4. Rompi al cento le uova, aggiungi il lievito in polvere, un pizzico di sale e la buccia grattugiata di un limone.

  5. Mescola il tutto cona forchetta, inglobando gradualmente la farina fino a formare un impasto compatto.

  6. Lavoralo per qualche minuto sul tagliere infarinato, ottenendo una palla liscia ed elastica (se è troppo dura aggiungi un po’ di latte).

  7. Stendi l'impasto con un matterello infarinato e aggiungi un cucchiaino di "sapore" ogni 4 cm circa di impasto. Ricopri il ripieno con una parte dell'impasto steso e taglia i ravioli aiutandoti con una rotella tagliapasta.


HASHTAG: #tortellidolci #tortellidinatale #modenaricette #brunch #ricettenatalizie

0 visualizzazioni

ricette

buone

PER BELLA GENTE